• giuseppe romanini
  • giuseppe romanini
  • giuseppe romanini
Venerdì, 19 Dicembre 2014 20:39

Approvate le norme sulla biodiversità

E’ un voto unanime quello con il quale la Camera dei Deputati ha approvato giovedì scorso, 18 dicembre, la legge per la tutela e la valorizzazione della biodiversità agraria e alimentare.

Nuove norme importanti, in un ambito in cui la sensibilità collettiva è cresciuta moltissimo negli anni, che andranno a creare un sistema nazionale di tutela e valorizzazione attraverso l’istituzione dell’anagrafe nazionale, di un comitato permanente per la biodiversità agraria e alimentare, di una rete e un portale.

 “La biodiversità è uno degli elementi cardine dell’agricoltura italiana, un valore per il pianeta. Con questa legge diventa bene comune, semi e varietà uniti al territorio e alla sua storia, sono riconosciuti come nostro patrimonio. Di fatto è un investimento sulla qualità delle nostre produzioni, un altro passo che arricchisce i contenuti di Expo 2015  – sottolinea Giuseppe Romanini componente della Commissione Agricoltura dove si è svolto in questi mesi un intenso lavoro a partire dalle diverse proposte di legge sul tema per arrivare a un testo unificato poi approdato in aula – Questa legge è una conquista che ha importanti radici nella nostra provincia dove negli anni è stato fatto un grande lavoro sulla biodiversità, coordinato dall’assessorato provinciale all’agricoltura, che si è avvalso del contributo dei soggetti impegnati per la tutela della biodiversità. Penso all’Azienda sperimenta Stuard, agli agricoltori custodi che in questa legge ottengono un giusto riconoscimento della loro funzione di conservazione delle risorse genetiche”.

La nuova legge, che porta la prima firma della deputata Susanna Cenni, mette in campo azioni rivolte alla tutela, educazione e la sostenibilità ambientale. Le norme sono finalizzate all’istituzione del Sistema nazionale di tutela e valorizzazione della biodiversità agraria e alimentare, per la tutela delle risorse genetiche locali dal rischio di estinzione e di erosione genetica. L’Anagrafe nazionale della biodiversità alimentare sarà istituita presso il Ministero delle Politiche agricole così come avrà lì sede il Comitato permanente per la biodiversità agraria e alimentare.  Altro punto fondamentale è la creazione della Rete nazionale della biodiversità agraria e alimentare per la conservazione del germoplasma insieme al Portale nazionale della biodiversità. Per sostenere il lavoro degli agricoltori e degli allevatori, nell’ambito delle disposizioni previste dalla legge,  dal prossimo anno verrà inoltre attivato il Fondo per la tutela della biodiversità agraria e alimentare, e appositi indennizzi ai produttori agricoli danneggiati da forme di contaminazione dagli Ogm, coltivati in violazione dei divieti stabiliti. Questa Legge, che segue quella approvata a luglio dal Parlamento sull’agricoltura sociale, passerà ora all’esame del Senato.

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 11:38
Joomla SEF URLs by Artio

Programma PD 2018